Tuttavia, il tedesco ha avuto la fortuna di entrare in campo finale a causa del ritiro di Le Clos e della squalifica di Rogan.

Tuttavia, il tedesco ha avuto la fortuna di entrare in campo finale a causa del ritiro di Le Clos e della squalifica di Rogan.

Tuttavia, il tedesco ha avuto la fortuna di entrare in campo finale a causa del ritiro di Le Clos e della squalifica di Rogan.

Ci vorrà fino all’autunno perché Rogan digerisca la sua squalifica. Non vuole prendere una decisione fissa sul suo futuro in anticipo. La prossima settimana la stella OSV inizierà ai campionati statali di Innsbruck venerdì o sabato. Dopodiché, Rogan vorrebbe tornare a Londra per la cerimonia finale dei Giochi. I viennesi non hanno ancora prenotato un volo di ritorno. “Voglio essere qui quando ci sarà la prima medaglia (per l’Austria)”.

Incontro con Hermann Maier Intorno alla cerimonia di chiusura sarà felice di incontrare Hermann Maier, che giovedì prossimo verrà a Londra. Sarebbe un’opportunità che Rogan possa spiegare all’Herminator le sue controverse dichiarazioni fatte nel programma Ö3 “Colazione con me”. Il manager di Rogan Ronald Leitgeb inizialmente gli aveva consigliato di non rilasciare l’intervista. Rogan l’ha scelto. Leitgeb: “Ha 30 anni e prende una decisione. Sono il suo dipendente, non il suo capo.”

Leitgeb ha anche lanciato una lancia per l’atleta Markus Rogan, due volte medaglia d’argento olimpica di Atene 2004, ex campione del mondo e detentore del record mondiale nonché detentore del record europeo: “Ci sono pochi atleti che hanno ottenuto così tanto nel loro sport. Dovresti toglierti il ​​cappello e rispetto spettacolo di fronte ai suoi successi. Dovresti rispettare uno dei più grandi atleti estivi austriaci. È mia ferma convinzione: si merita la finale “.

I momenti salienti di Rogan Il record mondiale in vasca corta all’EM 2005 di Trieste e l’oro nel campionato del mondo in vasca corta nell’aprile 2008 a Manchester sono stati nominati da Rogan come i momenti salienti assoluti della sua carriera. “E che ero sul podio con Aaron Peirsol”, ha aggiunto Rogan. A quel tempo, alle Olimpiadi del 2004 ad Atene, aveva chiesto il ritiro della squalifica dell’americano oltre i 200 m. Peirsol ha poi ricevuto anche l’oro, l’argento Rogan.

Oggi non piange la sua rinuncia volontaria ad accettare la medaglia d’oro “ereditata”, anche se non funzionerà più con l’oro a cui mirava. “Proprio come questa volta sono stato ingiustamente eliminato, la vittoria olimpica sarebbe stata altrettanto ingiusta all’epoca”, ha spiegato lo “Sportivo dell’anno 2004” austriaco. Anche Peirsol era presente mercoledì durante il trattamento di protesta. “Ha cercato di aiutarmi.”

Schauer vuole persuadere il presidente di Rogan OSV Paul Schauer vuole convincere Rogan a continuare, non vuole credere che la sua carriera finirà ancora. “Ci lavorerò e parlerò con lui. Markus ha grandi meriti nella storia del nuoto austriaco. Questa squalifica lascia un retrogusto amaro”.slim4vit dimagrante Schauer gli dà grande merito per il fatto che Rogan gareggia nei campionati nazionali: “È fantastico che lo faccia come ringraziamento per il nuoto austriaco”.

Rogan vede l’unica cosa buona della probabile fine della sua carriera nel fatto che può permettersi una maggiore privacy in futuro. “La cosa migliore è che ora posso essere privato”, ha detto il vincitore di 34 medaglie. Pertanto, nell’intervista ORF, non ha fornito alcuna informazione su un futuro con il suo partner quando gli è stato chiesto. Rogan non conosce ancora il suo futuro luogo di residenza: “Il 31 agosto scadrà il mio contratto di locazione a Los Angeles. Fino ad allora, devo prendere una decisione”.

Una panoramica della carriera di Markus Rogan 27 luglio 2001: Markus Rogan appare sul radar sportivo austriaco. Il viennese che studia negli Stati Uniti vince clamorosamente la sua prima medaglia internazionale a Fukuoka con un argento in Coppa del Mondo di oltre 200 m indietro all’età di 19 anni.

28 marzo 2004: Rogan nuota il suo primo record europeo. Ai Campionati del College degli Stati Uniti sul percorso corto a East Meadow, ha avuto bisogno di 1: 51.37 minuti per i 200 m.

12 maggio 2004: Rogan vince il suo primo oro. Il nuovo top nuotatore austriaco vince i 200 m misti individuali ai Campionati Europei di Madrid. Tre giorni dopo si lascia seguire anche dal titolo a più di 200 metri di distanza. Circa un mese dopo, dopo aver completato i suoi studi a Stanford, ha ricevuto un nuovo allenatore sotto forma dell’austriaco Robert Michlmayr.

16 agosto 2004:> Ai Giochi Olimpici di Atene, Rogan diventa finalmente la nuova stella dello sport austriaco. A oltre 100 metri di distanza vince l’argento dietro l’americano Aaron Peirsol.

19 agosto 2004: per alcuni minuti Rogan può sentirsi un campione olimpico. Il vincitore Aaron Peirsol è stato squalificato per un breve periodo a causa di un errore nel girare indietro di oltre 200 m, ma il risultato è stato rivisto poco dopo. Rogan, che si è espresso contro la punizione del suo amico, riceve l’argento.

20 ottobre 2004: Rogan viene eletto Sportivo dell’anno in Austria per la prima e unica volta nella sua carriera.

9 dicembre 2004: ai campionati casalinghi di breve durata a Vienna, Rogan si incorona due volte campione europeo entro un’ora. Dopo i 200 m di ritorno vince anche i 200 m misti. Due giorni dopo è seguito due volte dall’argento.

30 luglio 2005: Rogan vince la sua seconda di un totale di tre medaglie ai Campionati del Mondo sulla pista olimpica di lunga distanza con un argento sui 200 m a Montreal.

8 dicembre 2005: Rogan conquista per la prima volta un record mondiale. Il viennese ha vinto i 200 m in 1: 50.43 minuti all’European Short Course di Trieste.

5 agosto 2006: Rogan subisce la sua prima grande sconfitta internazionale. Come campione in carica, è arrivato quarto ai Campionati Europei di Budapest con oltre 200 m di schiena. Oltre la metà della distanza aveva vinto almeno l’argento quattro giorni prima.

30 marzo 2007: quasi tre mesi dopo aver trasferito la sua base di allenamento a Roma, Rogan ha vinto il bronzo sui 200 m ai Campionati del mondo in vasca lunga a Roma.

23 marzo 2008: Rogan viene nuovamente incoronato due volte campione europeo agli Europei di Eindhoven, ma non è molto soddisfatto della sua prestazione. È più contento di una storica medaglia di bronzo con la staffetta Kraul.

13 aprile 2008: Rogan vince il suo unico oro mondiale. Il ritorno viennese. Nel tempo record del mondo di 1: 47.84 minuti, ha sconfitto il favorito statunitense Ryan Lochte ed è diventato uno dei favoriti per le Olimpiadi.

15 agosto 2008: Rogan ha saltato i Giochi di Pechino. Sul suo percorso speciale di 200 m indietro non riesce a superare il quarto posto. Ma grazie al suo legame con l’ex Miss Austria Christine Reiler, domina le pagine della società.

1 agosto 2009: il punto più basso della sua carriera. Dopo un Mondiale completamente fallito a Roma, in cui non è arrivato in finale, Rogan viene picchiato in una discoteca di Ostia. Dopo aver interrotto la sua formazione come consulente finanziario per clienti privati ​​un mese dopo, Raiffeisen non ha prolungato il contratto di sponsorizzazione con Rogan.

10 dicembre 2009: Rogan, che si è trasferito in California, riappare. Nel suo titolo di Campionato Europeo nei 200 m misti individuali, nuota sul percorso corto di Istanbul in 1: 51.72 minuti, il suo unico record europeo valido ancora oggi. È l’ultima medaglia d’oro della sua carriera, dopodiché lascia a sorpresa i campionati.

14 agosto 2010: Rogan è stato negato l’oro che stava cercando a Budapest, ha vinto due medaglie d’argento.

28 luglio 2011: Rogan, che nel frattempo si è concentrato sui 200 m misti individuali, non supera il quinto posto nella finale di Coppa del Mondo a Shanghai. La sua serie di medaglie, in corso dal 2001 – almeno un metallo prezioso all’anno – l’ha salvata solo con l’argento a dicembre ai campionati europei di vasca corta a Stettino.

23 maggio 2012: Rogan ha vinto la sua 34a e probabilmente ultima medaglia internazionale a Debrecen con il bronzo agli Europei nella medaglia individuale dei 200 m. Ci sono 10 medaglie in oro, 18 in argento e 6 in bronzo.

27 luglio 2012: Alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Londra, Rogan conduce la squadra austriaca nello stadio come portabandiera – per il nuotatore “il momento più bello della mia carriera”.

1 agosto 2012: la carriera olimpica di Rogan si conclude con una squalifica a causa di un errore di svolta. Con il nono miglior tempo in semifinale su 200 m misti individuali, il 30enne sarebbe scivolato in finale solo se il sudafricano Chad le Clos lo avesse annullato.

Leggi le notizie per 1 mese ora gratuitamente! * * Il test termina automaticamente.

Altro su questo ▶

NOTIZIE DALLA RETE

Vinci subito auricolari true wireless da JBL! (E-media.at)

Nuovo accesso (yachtrevue.at)

8 motivi per cui è bello essere single (lustaufsleben.at)

Hamburger di gamberi al salmone con maionese al wasabi e cetriolo al miele (gusto.at)

Nella nuova tendenza: Shock-Down: per quanto tempo l’economia può resistere ai blocchi? (Trend.at)

Le 35 migliori serie per famiglie per ridere e sentirsi bene (tv-media.at)

E-Scooter a Vienna: tutti i fornitori e prezzi 2020 a confronto (autorevue.at)

Commenti

Registrati

Connettiti con facebook

Anyone01Ven, 03. Agosto 2012 10:33

rapporto

rispondere

Il nostro eroe ! Ho il sospetto che abbiano picchiato le ultime cellule cerebrali che il caro signor Rogan aveva allora nella discoteca italiana. La sua eccezionale intelligenza (che dice di avere in cambio del signor Maier) è sufficiente che è stato squalificato dopo aver nuotato per decine di anni a causa di una tecnica di nuoto errata. Mi sorge la domanda, che Horst ha deciso di poter portare la nostra bandiera alla cerimonia di apertura. Alla fine posso solo dire: “Signor Rogan, lei confonde arrongance e incapacità con l’intelletto”

Ven 03 agosto 2012 03:31

rapporto

rispondere

Rogan La sua partenza è la cosa migliore che ci possa capitare: definirti il ​​”migliore” di tutti i tempi e poi quello! Contamare l’icona Hermann Maier tra gli atleti e poi accusare la signora Stöckl di falsità – incredibile! Dato che comunque non si sente più a suo agio nella nostra cultura, gli auguro il meglio per il suo futuro e ricordo ancora con affetto i suoi successi sponsorizzati dall’Austria. La sua emigrazione danneggerà il quotidiano “Österreich”, perché è sicuramente il migliore I giornali riceveranno meno informazioni, Rogan è riuscito a portare nello sport tutto ciò di cui sono accusati i politici! Secondo i resoconti dei media, la sua fede non ha nulla a che fare con la fede e corrisponde al suo comportamento atletico Conclusione: è superfluo!

Ven 03 agosto 2012 01:21

rapporto

rispondere

se l’errore di trasformare da Cristo in ebreo – non sarà anche un errore di svolta, diventerà evidente solo in seguito! pace o shalom

Pagina 1 di 1 ”

La controversa app di valutazione degli insegnanti “Lernsieg” è di nuovo online invariata da oggi. Nelle prossime settimane ci saranno espansioni, a causa di nuovi investitori “alcune cose possono essere ricostruite”, afferma il fondatore Benjamin Hadrigan. Sono possibili funzioni di commento per insegnanti e studenti.

Per l’app è stato creato un database con circa 90.000 insegnanti e le scuole corrispondenti. Lì, dopo essersi registrati tramite il numero di cellulare, gli studenti possono valutare i loro educatori del livello inferiore AHS o della nuova scuola media (NMS) in categorie come insegnamento, correttezza o puntualità da una a cinque stelle e, se ci sono meno di cinque stelle, specificare le carenze in sottocategorie specificate . Per ogni scuola c’è poi una classifica dei “migliori” insegnanti e, oltre al rispettivo profilo della scuola, una classifica delle dieci migliori scuole in categorie come corsi o nuovi media.

“Stiamo andando online proprio come siamo andati offline poche settimane fa”, ha sottolineato Hadrigan. Dopo tutto, l’autorità per la protezione dei dati ha confermato la conformità legale di questa versione in una decisione.

»Non siamo un’app di beneficenza. Ovviamente vogliamo fare soldi «

Il fondatore ha anche chiarito: “Non siamo un’app di beneficenza. Ovviamente vogliamo fare soldi”. È invece esclusa la vendita dei numeri di cellulare degli studenti. Questi vengono interrogati solo per garantire che gli studenti valutino solo una scuola o il suo insegnante. “Non venderemo mai numeri né faremo nulla con essi per scopi di marketing”.

Quali annunci sono OK?

Tuttavia, è possibile, ad esempio, trovare tutor tramite la piattaforma o la pubblicità tradizionale, afferma Hadrigan. Un comitato studentesco dovrebbe aiutare a decidere quali posizionamenti pubblicitari sono accettati. Per lui, McDonalds è inconcepibile, ma la pubblicità per accessori scolastici da catene di vendita al dettaglio o l’annuncio di un nuovo film da parte di una catena di cinema non pone problemi.

Hadrigan ha ritenuto piuttosto basso il rischio di un uso improprio dell’app per valutazioni errate. “C’è spazio per ogni piattaforma di rating.” Se i singoli studenti valutano gli insegnanti che non hanno nemmeno, ciò non falsificherà il risultato complessivo. Quasi nessuno avrà 20 smartphone solo per far sembrare cattivo un insegnante.

Hadrigan vede il vantaggio della sua app rispetto alle attualmente possibili procedure volontarie di garanzia della qualità nelle scuole nella pubblicità dell’app: le attuali opzioni di feedback non hanno conseguenze e potrebbero semplicemente scomparire nel cassetto del regista.

Il fondatore dell’app non ha voluto commentare le cause modello annunciate dal sindacato. Solo: “Non abbiamo molta paura”.

L’Unione vuole continuare a combattere legalmente

Il sindacato degli insegnanti vuole intraprendere un’azione legale contro l’app di valutazione “learning victory”. Secondo il presidente degli insegnanti ARGE del GÖD, Paul Kimberger, all’APA, una delle numerose cause modello presentate è già stata approvata. “Non si tratta di un conflitto che coinvolge Paul Kimberger”, ha sottolineato il principale rappresentante degli insegnanti. “Migliaia di colleghi si sono rivolti al sindacato del servizio pubblico per garantire la protezione dei loro diritti”.

Kimberger vede che l’app non solo viola la protezione dei dati e i diritti personali, ma sospetta anche una “vasta campagna di numeri di cellulare”. La resistenza non ha nulla a che fare con il rifiuto di fornire un feedback. “La domanda è se tutto nella vita può essere compresso in asterischi e mi piace, soprattutto quando si tratta di relazioni interpersonali”.

Aree senza celle nella scuola

In generale, Kimberger vuole limitare l’uso dei telefoni cellulari a scuola. “Nella scuola devono esserci zone completamente libere dai cellulari”, ha detto il sindacalista al “Morgenjournal” dell’Ö1. “Solo se serve il materiale e il trasferimento di conoscenza ha senso usare i cellulari in classe, altrimenti non hanno affari lì”. Dovrebbero esserci regole chiare per questo nei regolamenti scolastici decisi da genitori, insegnanti e (nei livelli scolastici superiori) studenti nelle singole sedi.

La portavoce della scuola federale Jennifer Uzodike individua le aree problematiche nella “vittoria dell’apprendimento”. Si apprezza il fatto che i creatori dell’app abbiano accettato di apportare modifiche, ha detto Uzodike in una trasmissione. “Tuttavia, è importante per noi che gli studenti abbiano anche l’opportunità di fornire un feedback fondato e questo sotto forma di feedback a 360 gradi, che si tiene insieme al personale docente e agli studenti”.